Legge e comprende brevi storie rispettando le regole di pronuncia, l’intonazione e le pause. La valutazione periodica e finale viene integrata con la descrizione dei processi formativi (in termini di progressi nello sviluppo culturale, personale e sociale) e del livello globale di sviluppo degli apprendimenti conseguito. Riconosce ed esplora in modo sempre più approfondito le tracce storiche presenti nel territorio e comprende l’importanza del patrimonio artistico e culturale. Essenziale: il bambino ha raggiunto i traguardi per lo sviluppo delle competenze in prevalenza con l’aiuto dell’insegnante.Consolidato: il bambino ha acquisito con autonomia i traguardi di sviluppo delle competenze.Avanzato: il bambino ha acquisito pienamente ed in modo autonomo i traguardi per lo sviluppo delle competenze, dimostrando creatività operativa, anche in situazioni complesse ed interagendo con gli altri. Individua e descrive relazioni significative all’ interno di un problema. Manifesta disinteresse, scarsa partecipazione al dialogo educativo ed impegno incostante e superficiale. COMPETENZA MATEMATICA COMPETENZE DI BASE IN SCIENZE-TECNOLOGIA-GEOGRAFIA COMPETENZA DIGITALE COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE n. 1865). LE NUOVE COMPETENZE CHIAVE 1) competenza alfabetica funzionale :“capacità di individuare, comprendere, esprimere, creare e interpretare concetti, sentimenti, fatti e opinioni, in forma sia orale sia scritta, utilizzando materiali visivi, sonori e digitali attingendo a varie discipline e contesti. Confronta l’esperienza di fede dei personaggi biblici e dei contemporanei. Usa carte geo-storiche, anche con l’ausilio di strumenti informatici. Conosce la figura di Gesù nella cultura europea. Organizza il proprio apprendimento individuando ed utilizzando varie fonti e varie modalità di formazione e informazione anche in funzione dei tempi disponibili. l’attribuzione del voto di ammissione agli Esami di Scuola Secondaria di I Grado, AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA E ALL’ESAME DI STATO, ASSE DEI LINGUAGGI ARTISTICO-MUSICALI/ESPRESSIVO- CORPOREI, Per ulteriori informazioni visualizza la Cookie Policy, Curricolo verticale per competenze chiave a.s. 2018/19, Codice di comportamento del pubblico dipendente, Regolamento delle infrazioni disciplinari e sanzioni, Piano Annuale per l'Inclusione a.s. 2020/21, Sondaggio di autovalutazione a.s. 2017/18 - Esiti, Dall’integrazione, all’inclusione scolastica: nuovi modi di apprendere, Profilo delle competenze trasversali al termine del 1° ciclo, Traguardi per lo sviluppo delle competenze, Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported, Frequenza molta assidua e puntualità costante, Notevole correttezza nel rispetto del regolamento scolastico, Comportamento molto corretto, responsabile ed affidabile, Interesse continuo, partecipazione attiva, matura e costruttiva, Consapevolezza del proprio dovere, rispetto delle consegne e continuità nell’impegno, Ruolo propositivo e collaborativo all’interno e fuori del gruppo classe, Scrupoloso rispetto del regolamento scolastico, Comportamento maturo per responsabilità e collaborazione, Vivo interesse e partecipazione attiva alle lezioni, Regolare e serio svolgimento delle consegne scolastiche, Ruolo propositivo all’interno delle classe, Buona partecipazione al dialogo operativo, Interesse e partecipazione attiva alle lezioni, Regolare e proficuo svolgimento delle consegne scolastiche, Ruolo collaborativo all’interno della classe, Comportamento quasi sempre responsabile e collaborativo specie nei confronti dei docenti, Atteggiamento accettabile durante lo svolgimento delle lezioni, Interesse altalenante e partecipazione non sempre attiva, Regolare svolgimento dei compiti assegnati, Sostanziale rispetto dei compagni e discreta capacità di collaborazione, Sostanziale svolgimento delle consegne scolastiche, Episodi sporadici di inosservanza del regolamento scolastico tale da comportare avvertimenti verbali e note sul registro, Disturbo del regolare svolgimento delle lezioni con interventi polemici e inopportuni, Limitata partecipazione alle attività scolastiche, Parziale svolgimento dei compiti assegnati, Danneggiamenti di arredi ed oggetti altrui, Comportamento poco responsabile durante visite d’istruzione, Mancato rispetto del regolamento scolastico con gravi episodi che hanno richiesto provvedimenti disciplinari, Scarsa partecipazione alle attività scolastiche, Comportamento scorretto nel rapporto con docenti, compagni e personale scolastico, Linguaggio irriguardoso nel rapporto con docenti, compagni e personale scolastico. Il decreto n. 62/2017, attuativo della legge n. 107/2015, seguito dalla Nota MIUR n. 1865 del 10.10.2017 a partire dal corrente anno scolastico, hanno introdotto importanti novità relative alla valutazione. Ha consapevolezza dei limiti delle affermazioni che riguardano questioni complesse. Comprende il carattere finito delle risorse e adotta atteggiamenti responsabili verso i modi di vita e l'uso delle risorse. 59/2004). La Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio (2018/9009/CE) individua le competenze chiave per l’apprendimento permanente. Il Collegio dei Docenti stabilisce che:La NON AMMISSIONE è deliberata dal Consiglio di classe in presenza di materie con valutazione finale insufficiente quando, a giudizio dello stesso Consiglio di Classe, formulato a maggioranza, dopo analisi attenta e scrupolosa della personalità scolastica dell’alunno, il livello di preparazione complessiva nelle discipline con insufficienza sia tale da non consentire, né con gli interventi di recupero programmati dalla Scuola né con lo studio personale, il raggiungimento degli obiettivi formativi, propri delle discipline interessate, previsti per l’ammissione alla classe successiva. Esso è strutturato in riferimento al profilo dello studente, agli obiettivi di apprendimento specifici per ogni disciplina e ai traguardi dello sviluppo delle competenze al termine del primo ciclo d’Istruzione. Si orienta sulle carte e orienta le carte a grande scala in base ai punti cardinali (anche con l’utilizzo della bussola) e a punti di riferimento fissi. Il curricolo verticale del nostro Istituto, progressivo e continuo, è costituito dall’insieme integrato e organizzato delle proposte formative e delle modalità di condurre e predisporre i processi di apprendimento/insegnamento.   Comportamento talvolta poco corretto e/o incline alla distrazione. CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE . PRESENTAZIONE CURRICOLO in base alle competenze chiave europee CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA (pdf ) o sfoglia CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA (pdf) o sfoglia CURRICOLO VERTICALE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO (pdf) ... La scelta di organizzare il curricolo per competenze chiavi è nata anche dall’esigenza di definire un … Intermedio:l’alunno/a svolge compiti e risolve problemi in situazioni nuove, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite. saper affrontare in autonomia e con responsabilità, le situazioni di vita tipiche della propria età, riflettendo ed esprimendo la propria personalità in tutte le sue dimensioni; saper orientare le proprie scelte in modo consapevole rispetto alle proprie potenzialità e ai propri limiti; saper utilizzare gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere ed apprezzare le diverse identità, le tradizioni culturali e religiose, in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco; saper collaborare con gli altri  e rispettare le regole condivise, avendo assimilato il senso e la necessità del rispetto della convivenza civile; sapersi misurare con le novità e gli imprevisti, dimostrando originalità e spirito di iniziativa e assumendosi le proprie responsabilità; avere cura e rispetto di sé, come presupposto di un sano e corretto stile di vita. CURRICOLO VERTICALE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 2017-2018 FINALITA' GENERALE DELL'ISTITUTO Diventare cittadini consapevoli mediante l’acquisizione di comportamenti civilmente e socialmente responsabili nella dimensione nazionale ed europea Le otto competenze chiave di cittadinanza sono le seguenti (D.M. 59/2004). n.139/2007): 1. Partendo da una solida padronanza della competenza aritmetico - matematica, l’accento è posto sugli aspetti del processo e dell’attività oltre che sulla conoscenza”.4) competenza digitale:   “ presuppone l’interesse per le tecnologie digitali e il loro utilizzo con dimestichezza e spirito critico e responsabile per apprendere, lavorare e partecipare alla società. Pianifica e organizza il proprio lavoro; realizza semplici progetti. Osserva e sperimenta con i compagni e in autonomia ambienti vicinie conosciuti, indaga con curiosità ambienti lontani con strumenti appropriati. 139/2007 Raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea del 22 maggio 2018 (sostituisce la raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente). I binari metodologici, lungo i quali si snodano i percorsi curricolari che conducono alla costruzione delle competenze, sono articolati su : A queste considerazioni, vanno aggiunte anche la realizzazione di percorsi a carattere laboratoriale (sia all’interno che all’esterno della scuola), la valorizzazione del territorio come risorsa per l’apprendimento, l’applicazione della tecnologia moderna all’insegnamento e l’attività di ricerca, promuovendo sempre di più l’alfabetizzazione informatica per incoraggiare lo sviluppo delle capacità creative, logiche ed organizzative. In questa lezione si approfondiscono i concetti di programma, programmazione, progetto, progettazione ed il senso e il significato della progettazione per competenze. Il bambino confronta e valuta quantità; utilizza semplici simboli per registrare; compie misurazioni mediante semplici strumenti.  Competenze riferite alla maturazione personale e sociale: Per la normativa completa si fa riferimento alle  RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 maggio 2018 relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente (UE 22/05/2018) Apprezzabile è la forte curvatura che il documento testimonia verso il valore della sostenibilità, evidenziando la necessità – per tutti i giovani – di partecipare ad una formazione che promuova stili di vita sostenibili, i diritti umani, la parità di genere, la solidarietà e l’inclusione, la cultura non violenta, la diversità culturale, il principio della cittadinanza globale. Il curricolo verticale per competenze: i campi di esperienza e le discipline COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE 1° LINGUA COM. Comprende espressioni e parole di uso frequente relative a ciò che lo riguarda direttamente (per esempio informazioni di base sulla mia persona e sulla mia famiglia, gli acquisti, l’ambiente circostante e i lavori, sul passato e la mia esperienza personale). Pone domande, discute, confronta ipotesi, spiegazioni, soluzioni ed azioni. Curricolo verticale per competenze chiave a.s. 2018/19. Conosce alcune procedure e tecniche di lavoro nei siti archeologici, nelle biblioteche e negli archivi. Si mostra abbastanza sicuro/a nelle applicazioni e nell'operare collegamenti. Madisoft, PRESENTAZIONE CURRICOLO in base alle competenze chiave europee, Qualcosa non è accessibile? Commette numerosi errori nelle prestazioni scritte e/o orali e/o pratiche richieste. Attua forme di comportamento rispettose verso se stesso, gli altri e l’ambiente. Il 22 maggio 2018 il Consiglio europeo ha varato la Raccomandazione relativa alle competenze chiave per l'apprendimento permanente e l’Allegato Quadro di riferimento europeo, che sostituiscono la Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 e relativo Allegato sullo stesso tema. Il macro-oggetto di trasformazione pensato e realizzato dall'uomo è il PAESAGGIO. Direzione Scolastica Regionale per la Campania ISTITUTO COMPRENSIVO “E.DE FILIPPO” 34° Distretto Scolastico Via Cavalli di Bronzo, 50 San Giorgio a Cremano (NA) TEL. Il documento tiene conto da un lato delle profonde trasformazioni economiche, sociali e culturali degli ultimi anni, dall’altro della persistenza di gravi difficoltà nello sviluppo delle competenze di base dei più giovani. COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE 2° LINGUA COM. Utilizza un rigoroso linguaggio specifico. Utilizza mappe concettuali e schemi organizzativi per pianificare e produrre autonomamente un testo coerente e coeso. Occasionali episodi di scarso autocontrollo. Interagisce fornendo descrizioni utilizzando le strutture apprese. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Individua, conosce e descrive gli elementi caratterizzanti dei paesaggi, con particolare riferimento a quelli italiani. CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE CHIAVE Scuola dell’infanzia primaria e secondaria di I grado Anno scolastico 2018/2019 La scuola un luogo dove pensare, immaginare, fare; un luogo dove l’accesso alla conoscenza sia considerato strumento di libertà e giustizia; un luogo dove “i … Conosce i fondamenti dottrinali delle principali religioni orientali. curricolo e competenze di cittadinanza 1. Comprende richieste d’informazione su sé stesso e brevi testi di diverso genere. Nelle prestazioni scritte e/o orali e/o pratiche richieste, a volte, commette errori concettuali e formali. Comprende istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano se pronunciate chiaramente ed identifica il tema generale di brevi messaggi orali in cui si parla di argomenti conosciuti. FONTI DI LEGITTIMAZIONE Il curricolo verticale per competenze è stato elaborato dalla nostra scuola sulla base del rispetto della normativa vigente: 1 settembre 2000 legge dell’Autonomia. Buona accettazione della diversità. Utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi (espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) e rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici tecniche, materiali e strumenti (grafico –espressivi, pittorici e plastici, ma anche audiovisivi e multimediali). d) quando l’alunno ha insufficienze determinate da carenze profonde, tali da impedire la frequenza proficua della classe successiva, accompagnate ad un giudizio negativo sulla partecipazione al dialogo educativo e all’attività didattica nei seguenti casi: A seguito della valutazione periodica e finale, la scuola provvede a segnalare tempestivamente ed opportunamente alla famiglie delle alunne e degli alunni eventuali livelli di apprendimento parzialmente raggiunti o in via di prima acquisizione e, al fine di consentire il miglioramento dei suddetti livelli di apprendimento, nell’ambito della propria autonomia didattica ed organizzativa, propone: L’adozione di una “griglia condivisa” per la rilevazione del comportamento e del livello globale dell’apprendimento per gli alunni della scuola primaria e per gli alunni della Secondaria di 1^ Grado offrirà ai docenti un uniforme sistema valutativo che consentirà di predisporre al meglio, le forme di accompagnamento necessarie per migliorare la vita scolastica e il processo di apprendimento degli alunni. Riconosce gli elementi principali del patrimonio culturale, artistico e ambientale del proprio territorio ed è sensibile ai problemi della sua tutela e conservazione. Usa in modo abbastanza corretto il linguaggio specifico. Interpreta e confronta alcuni caratteri dei paesaggi italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro evoluzione nel tempo. Legge e comprende consegne e semplici testi individuando parole ed espressioni già acquisite a livello orale e cogliendone il significato globale. della media dei voti di profitto conseguiti dall’allievo nelle varie discipline oggetto di studio. Svolgimento dei compiti regolare e preciso. La Scuola dell’Infanzia promuove la cura del sé, dell’altro, dell’ambiente scolastico e dei vari materiali; il bambino scopre gli altri e la necessità di gestire i contrasti tra pari e adulti, attraverso regole condivise. Racconta i fatti studiati utilizzando il linguaggio specifico della disciplina. Curricolo verticale Istituto Comprensivo Manzoni allegato al PTOF 2016/19 FINALITÀ DEL CURRICOLO COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINE SCUOLA DEL PRIMO CICLO CAMPI DI ESPERIENZA SCUOLA DELL’INFANZIA Acconsenti? Numerose ammonizioni verbali e scritte, provvedimenti di allontanamento dalla scuola. Costruisce e conosce i diversi significati associati al concetto di angolo. Il collegio dei docenti definisce i criteri per la valutazione del comportamento, determinando anche le modalità di espressione del giudizio (nota MIUR 10.10.2017, prot. Le competenze chiave sono delle  “METACOMPETENZE”, poiché sono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupazione. A partire dal curricolo verticale d’Istituto, i docenti elaborano i diversi curricoli orizzontali, ossia quei percorsi per classi parallele che permettono la condivisione e il raggiungimento degli obiettivi annuali; individuano, mediante l’elaborazione delle Unità di apprendimento, le esperienze più efficaci, le scelte educative più significative, le strategie più idonee, i contenuti più funzionali, l’organizzazione più rispondente, gli strumenti di verifica pertinenti e funzionali e la valutazione più coerente al perseguimento dei traguardi formativi prescritti dal documento nazionale (PTOF). Profilo delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione (in sintesi):  Nel definire il profilo dello studente al termine del primo ciclo di istruzione, le Indicazioni per il curricolo 2012, richiamano le  8 competenze chiave per l’apprendimento permanente ridefinite dal Parlamento Europeo con le raccomandazione del 22 maggio 2018  che di fatto costituiscono la finalità generale dell’istruzione e dell’educazione e spiegano le motivazioni dell’apprendimento stesso.   Comportamento generalmente corretto, collaborativo e rispettoso. Conosce e distingue gli elementi fisici ed antropici di un paesaggio. Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel proprio territorio e manifesta sensibilità e rispetto per la loro salvaguardia. Organizza le esperienze in procedure e schemi mentali per l’orientamento in situazioni simili a quelle sperimentate. L'alunno/a possiede conoscenze essenziali. Dimostra curiosità verso altre culture e luoghi geografici. Trova soluzioni nuove a problemi di esperienza; adotta strategie di problem solving. Intermedio: l’alunno/a svolge compiti e risolve problemi in situazioni nuove, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite. Espone temi e affronta problemi in modo stentato e frammentario. Essa comprende l’alfabetizzazione informatica e digitale, la comunicazione e la collaborazione, l’alfabetizzazione mediatica, la creazione di contenuti digitali (inclusa la programmazione), la sicurezza (compreso   l’essere a proprio agio nel mondo digitale e possedere competenze relative alla cyber sicurezza), le questioni legate alla proprietà intellettuale, la risoluzione di problemi e il pensiero critico”.5) competenza personale, sociale e capacità di imparare a imparare :  “capacità di imparare a imparare consiste nella capacità di riflettere su sé stessi, di gestire efficacemente il tempo e le informazioni, di lavorare con gli altri in maniera costruttiva, di mantenersi resilienti e di gestire il proprio apprendimento e la propria carriera. Nella pratica didattica della nostra scuola distinguiamo alcuni momenti valutativi precisi, diversi tra loro a seconda delle finalità che si intendono perseguire. Seleziona e organizza le informazioni con mappe, schemi, tabelle, grafici e risorse digitali. Non sempre costanti sono l’impegno e la partecipazione manifestata. L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni. Elabora ed esegue semplici coreografie individuali o collettive. Segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Realizza manufatti, descrivendo e documentando la sequenza delle operazioni. Conosce e localizza i principali “oggetti” geografici fisici ed antropici dell’Italia. Acquisisce ed interpreta informazioni. 275/99 2006 Quadro della competenze chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Unione europea (Raccomandazione del … Si confronta su temi quali lo sviluppo sostenibile e la decrescita, partendo da azioni di tutela delle risorse nella vita quotidiana, fino ad avviare una riflessione più ampia sullo sfruttamento incontrollato delle risorse del Pianeta. Osserva, monitora, sviluppa schemi e modelli di fatti e fenomeni, anche con l'uso di strumenti sia in situazioni controllate di laboratorio sia negli aspetti della vita quotidiana. Il curricolo verticale - Giancarlo Cerini ... Il migliore film cristiano in italiano 2018 ... 1:10:44. Evidenzia abilità minime nelle applicazioni e commette alcuni errori concettuali e formali nelle prestazioni scritte e/o orali e/o pratiche richieste. Legge, scrive e opera con i numeri naturali entro il 1000 e in notazione decimale, avendo consapevolezza anche del valore posizionale. Imparare ad imparare Il percorso verticale prevede una continuità nell’acquisizione delle competenze che procede progressivamente dai campi di esperienza della Scuola dell’Infanzia, agli ambiti disciplinari della Scuola Primaria fino alle discipline intese in forma più strutturata della Scuola Secondaria di primo grado. DEL CURRICOLO VERTICALE Il CURRICOLO VERTICALE è: organizzato per competenze chiave europee, strutturato in discipline, organizzato in tre settori. La tecnologia si realizza Si orienta nelle prime generalizzazioni di passato, presente, futuro e si muove con crescente sicurezza e autonomia negli spazi che gli sono familiari, modulando progressivamente voce e movimento anche in rapporto con gli altri e con le regole condivise. Svolgimento dei compiti regolare. Si orienta tra i diversi mezzi di comunicazione ed è in grado di farne un uso adeguato a seconda delle diverse situazioni. curricolo verticale . ufficio scolastico regionale per il lazio istituto comprensivo alatri 1° codice meccanografico: fric83700q – codice fiscale: 80010890608 via del calasanzio, 7 03011-alatri * tel: 0775/434032 - fax:0775/449158 * fric83700q@istruzione.it . CURRICOLO VERTICALE DELLE COMPETENZE DI BASE SEZIONE SCUOLA DELL'INFANZIA con riferimento alle Competenze Chiave Europee (Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 22 maggio 2018) e alle Indicazioni Nazionali 2012 Conosce, usa e rielabora gli elementi della “grammatica visiva”, legge e comprende il significato di immagini statiche e in movimento. COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZA MULTILINGUISTICA PROFILO AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA: l’alunno/a è in grado di sostenere in lingua inglese una comunicazione essenziale in semplici situazioni di vita quotidiana. 2 – Progettare il curricolo per competenze – Il curricolo verticale Per favore iscriviti a corso prima di iniziare la lezione. Impegno costante; partecipazione abbastanza attiva e pertinente; adeguata capacità di interazione in situazioni note. 2006 Quadro della competenze chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento Europeo e 2 indice introduzione pag. Nelle prestazioni scritte e/o orali e/o pratiche richieste incorre in alcune imperfezioni formali. Inoltre l’agire didattico punterà all’acquisizione e lo sviluppo del ragionamento logico necessario alla gestione delle informazioni e la capacità di progettazione e di organizzazione del lavoro dei nostri alunni in una prospettiva di apprendimento permanente. Utilizza il pensiero logico-scientifico per affrontare problemi e situazioni sulla base di elementi certi. ASSE DEI LINGUAGGI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZA ALFABETICA FUNZIONALE PROFILO AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE: l’allievo possiede una padronanza della lingua italiana che gli consente di comprendere e produrre enunciati e testi di una certa complessità, di raccontare le proprie esperienze e idee e di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni. Frequenza non sempre regolare; alcuni ritardi. Descrive persone, luoghi e oggetti familiari utilizzando parole e frasi già incontrate ascoltando e leggendo. 3 introduzione 31 . 23 maggio 2018 Quadro della competenze chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento Europe e dal ​. Nella progettazione del nostro curricolo il gruppo di lavoro ha dunque tenuto conto e recepito le importanti novità contenute nella Nuova Raccomandazione del maggio 2018, in cui oltre a rinominare le otto competenze (l’unica competenza che ha mantenuto la stessa dizione è la competenza digitale) ha ridefinito anche da un punto di vista sostanziale e contenutistico le competenze, adattandole ai nuovi … n. 139 del 22 agosto 2007 (Regolamento recante norme in materia di adempimento dell’obbligo di istruzione). È a conoscenza di alcuni processi di trasformazione di risorse e di consumo di energia e del relativo impatto ambientale. L'alunno/a possiede conoscenze chiare ed ordinate. 2. Comportamento corretto, collaborativo e rispettoso. Esegue misurazioni e rilievi grafici o fotografici dell’ambiente scolastico, della propria abitazione o di oggetti. Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi…) si orienta con valutazioni di probabilità. Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi. Mantiene viva l’attenzione sul messaggio orale, individuando gli scopi di chi parla e le diverse situazioni comunicative. Comprende testi semplici di contenuto familiare e di tipo concreto e trova informazioni specifiche in materiali di uso corrente. Curricolo di scuola – Aggiornamento maggio 2018 1 Curricolo di scuola – Sezione Scuola dell’Infanzia - Istituto Comprensivo De Amicis di Bergamo ISTITUTO COMPRENSIVO DE AMICIS – BERGAMO CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE Maggio 2018 INALITA’-OBIETTIVI CONTENUTI CULTURALI PROCESSI FORMATIVI VALUTAZIONE Ascolta testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone fonte e scopo, argomento, informazioni principali e punto di vista dell’emittente. Comprende aspetti e strutture dei processi storici italiani, europei e mondiali. ASSE DEI LINGUAGGI ARTISTICO-MUSICALI/ESPRESSIVO- CORPOREI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZA IN MATERIA DI CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALI PROFILO AL TERMINE DEL PRIMO CICLO D’ISTRUZIONE:l’alunno/a relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento si esprime negli ambiti che gli sono più congeniali: motori ,artistici e musicali. La partecipazione è attiva e l’impegno costante. quando l’allievo ha profitto insufficiente (voto in decimi inferiore a sei) in più di tre discipline oppure quando ha tre insufficienze di cui due gravi (voto in decimi pari a quattro). La valutazione periodica e finale degli apprendimenti degli alunni delle singole classi è effettuata collegialmente da tutti i docenti del team, sulla base dei risultati emersi al seguito della somministrazione delle prove di verifica; ciò al fine di assicurare omogeneità e congruenza con gli standard di apprendimento che la scuola si prefigge di raggiungere.